Lettori fissi

domenica 18 settembre 2022

L'AQUILA E IL CORVO
Il bivio degli Ottanta e le due vie di Cunhal e Occhetto


Questo articolo nasce da due suggestioni. La prima è frutto delle impressioni raccolte negli ultimi anni confrontandomi con i militanti delle diverse formazioni neo comuniste nate dalla dissoluzione del PCI, e con gli amici di Cumpanis che, fuorusciti da alcune di tali formazioni, sono impegnati nel difficile – per usare un eufemismo – tentativo di saldare gli spezzoni della diaspora  nell'atto fondativo di un nuovo Partito Comunista che meriti di essere definito tale. La seconda è più occasionale: mi è capitato di leggere, a distanza di pochi giorni, Il partito dalle pareti di vetro, un libro dell'ex segretario del Partito Comunista Portoghese, Alvaro Cunhal, uscito nel 1985, ripubblicato in Portogallo nel 2002 e in Italia (dalle Edizioni La Città del Sole) un paio d'anni fa, e Idee e proposte del nuovo corso del PCI, un libercolo in cui “l'Unità” aveva raccolto una serie di interviste e interventi di Achille Occhetto preparatori del 18° Congresso del Partito (marzo 1989), propedeutico alla svolta della Bolognina che si sarebbe celebrata pochi mesi dopo. 


Questa duplice lettura ha rafforzato le convinzioni che esprimo in un libro che ho appena consegnato all'Editore Meltemi (uscirà in due volumi nei primi mesi del 2023). In particolare, ha corroborato le mie tesi relative: 1) al fatto che il decennio degli Ottanta (non solo nel finale, che ha visto la caduta del sistema socialista dell'Europa Orientale) rappresenta il punto di non ritorno del processo di separazione fra comunismo occidentale e comunismo orientale, e coincide con il pressoché totale annientamento del primo, già avviato nei Settanta; 2) al fatto che, al culmine del loro progetto di autoliquidazione, i partiti comunisti (con poche eccezioni, fra le quali spicca quella del partito portoghese) non si sono socialdemocratizzati, bensì convertiti in partiti liberali allineati al consenso di Washington; 3) al fatto che le radici della svolta affondano in una mutazione culturale iniziata nel corso del trentennio dorato del compromesso postbellico fra capitale e lavoro; 4) al fatto che i compagni che guardano con nostalgia all'esperienza del PCI, illudendosi che si possa costruire un futuro a partire da quelle macerie, non hanno capito che il seme della sconfitta (ideologica prima che politica) era già saldamente piantato in quel glorioso passato. Per approfondire queste tesi rinvio alla lettura del libro che uscirà fra pochi mesi; in questo articolo ne estraggo alcuni spunti ragionando sulla distanza abissale che separa il volo dell'aquila Cunhal da quello del corvo  Occhetto.


Contrappunti   


Parto dalle parole con cui Cunhal sintetizza l'essenza dell'operazione avviata dai partiti eurocomunisti negli anni che vanno dalla controrivoluzione liberale alla caduta del Muro: “Dicono di rifiutare il ruolo rivoluzionario e di avanguardia della classe operaia sostituendolo con il ruolo di avanguardia degli intellettuali e della piccola borghesia urbana. Dicono di rifiutare la concezione di alleanza della classe operaia con i contadini sostituendola con un'alleanza indefinita di forze sociali eterogenee. Dicono di rifiutare la teoria dello Stato e del Partito. Dicono di rifiutare la critica leninista alla democrazia borghese e al parlamentarismo borghese come forme politiche di oppressione economica e sociale e trovano valori che si sovrappongo agli obiettivi di emancipazione sociale. Dicono di rifiutare metodi rivoluzionari di accesso al potere della classe operaia”. Nelle pagine seguenti provo ad articolare questa incisiva descrizione mettendo in contrappunto le tesi di Cunhal e quelle di Occhetto, così come emergono dai testi sopra citati.  


Alvaro Cunhal



a) A proposito della natura di classe del partito.


Per Cunhal “le profonde modifiche riscontrate nella composizione sociale della società e della classe operaia non mettono in discussione la natura di classe del partito”. L'evoluzione del modo di produzione capitalistico e gli sconvolgimenti provocati dai processi di finanziarizzazione dell'economia e dalle ristrutturazioni tecnologiche hanno trasformato radicalmente il mondo del lavoro e influito sui processi ideologici e culturali, ammette Cunhal, ma da ciò non consegue il cambiamento dell'obiettivo strategico dei comunisti, che resta quello della costituzione del proletariato in partito politico, un partito indipendente che ”non deve concepirsi come una coda di qualche partito borghese”. Tale obiettivo comporta, fra le altre conseguenze, che l'ossatura organizzativa debba fondarsi sulle cellule nei luoghi di produzione, e che la sua natura di classe debba tendenzialmente rispecchiarsi nella composizione sociale dei  membri  (più del 50% di quadri operai all'epoca in cui scriveva l'autore).   


Nello stesso periodo la preoccupazione fondamentale di Occhetto è viceversa quella della “conquista del centro”, obiettivo squisitamente elettoralistico che, tuttavia, implica inevitabilmente uno spostamento dell'attenzione verso gli interessi, i bisogni, i principi e i valori degli strati sociali che nel centro si riconoscono. Ciò comporta il rischio che sia il centro ad egemonizzare la sinistra piuttosto che avvenga il contrario? No ribatte il corvetto: “il centro conquista la sinistra solo se non si possiede la forza politico culturale che sappia dare risposte ad alcune delle verità interne al moderatismo”. Occhio al termine moderatismo: il grande pensiero marxista è da sempre attento ad alcune verità formulate dal grande pensiero di destra (da Heidegger a Weber passando per Schmitt, tanto per fare qualche esempio), ma trattasi di verità radicali, non delle ideuzze partorite dal moderatismo piccolo-medio borghese italiota che entusiasmava Occhetto, il quale, con la sua “svolta” anticipava la realtà dell'odierno PD, espressione esclusiva degli interessi delle élite neoborghesi dei centri metropolitani, mentre già allora volgeva le spalle a quelli dei proletari, incitando a “costruire una identità attuale partendo dalla considerazione che tutta una fase di lotta per l'emancipazione dei lavoratori è alle nostre spalle grazie alle nostre stesse battaglie, alle vittorie della sinistra”. Sublime ipocrisia che celebra vittorie passate, ai tempi già in larga misura dissipate dall'opportunismo sindacale, nonché in via di rapido smantellamento. 



b) A proposito della “inattualità” del leninismo


Sulla velleità di superare il leninismo il giudizio di Cunhal è lapidario: lo definisce “l'assurdo tentativo di separare il marxismo dal leninismo”, liquidando come ridicola la pretesa secondo cui la fedeltà al marxismo sarebbe compatibile con l'abbandono del leninismo. Ed è precisamente il rifiuto di imboccare la strada dell'abiura che gli consente di cogliere con lucidità l'obiettivo delle campagne condotte dai partiti borghesi e dai loro megafoni mediatici per accelerare la mutazione degli eurocomunisti da avversari in compagni di strada; ecco come descrive il tentativo di isolare il Partito Comunista Portoghese: “o mantiene i principi, gli obiettivi e l'orientamento attuale e, di conseguenza, è costretto all'isolamento, alla marginalizzazione, al ghetto e non può essere considerato un partito avente diritto alla partecipazione in termini di uguaglianza nella vita politica nazionale o, se vuole essere trattato in termini paritari, deve modificare principi e orientamenti deve diventare un partito moderno (aggettivo da mettere fra virgolette per sottolinearne la valenza ironica) occidentale”. 


Di tutt'altro tenore la strada imboccata da Occhetto per superare la conventio ad excludendum nei confronti del PCI. Facendosi forte dell'infelice battuta di Berlinguer sull'esaurimento della spinta propulsiva della Riconduzione d'Ottobre (a proposito delle mal riposte nostalgie di certi compagni nei confronti del teorico del compromesso storico), e dell'azione liquidatrice di Gorbaciov nei confronti di quel glorioso evento storico, il corvetto respinge “la falsa alternativa secondo cui avremmo di fronte la scelta secca omologazione o identità comunista”, dopodiché ci ammannisce “una concezione del socialismo come massima realizzazione delle libertà individuali “ (sic) e, dopo avere riproposto la frusta contrapposizione fra Oriente e Occidente come endiadi uguaglianza versus libertà, ne annuncia il definitivo superamento retrodatando dal 1917 al 1789 l'eredità ideale del suo partito: “il PCI è figlio della Rivoluzione francese della dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino, dell'affermazione della democrazia come valore universale (nessun punto di domanda su quale democrazia: è una sola, vale a dire quella borghese, senza se e senza ma)”. Appurato che quella è la sua stella polare, precisa che il compito è quello di realizzarne compiutamente il lascito ideale, non senza avere precisato che tale lascito va depurato della macchia del giacobinismo che “aveva in sé i semi del totalitarismo” (sgangherato omaggio alle tesi di Hannah Arendt, e alla sua celebrazione della Rivoluzione americana in quanto più democratica di quella francese). 


A questo punto, prima di proseguire nel ping pong fra l'aquila e il corvo, mi permetto di fare un inciso su comunismo e liberalismo, proponendo qui di seguito un sunto del paragrafo che ho dedicato al tema nel lavoro di prossima pubblicazione di cui sopra:   


Essere comunisti implica il rifiuto radicale di ogni forma di liberalismo: quello classico, il neoliberalismo, l’ideologia “liberal” delle sinistre angloamericane, l’ ideologia liberal progressista dei movimenti postcomunisti, le ideologie liberal socialiste e anarchiche, ecc. Questo perché tutte queste varianti condividono i principi e i valori dell’individualismo occidentale. Ricordo che per Marx i diritti dell’uomo riconosciuti dalle costituzioni borghesi sono diritti che sanciscono la separazione dell’individuo dalla sfera dello Stato, della società, della politica, offrendogli piena libertà di estraniarsi a suo arbitrio sul piano sociale e naturalmente anche su quello ideologico. Una “libertà” che Marx liquida così: “Nessuno dei cosiddetti diritti dell’uomo oltrepassa dunque l’uomo egoista, l’uomo in quanto è membro della società civile, cioè l’uomo ripiegato su se stesso, sul suo interesse privato e sul suo arbitrio privato, e isolato dalla comunità”.

Ciononostante persino un pensatore marxista radicale come Domenico Losurdo ha sostenuto, nel suo ultimo lavoro, che i comunisti non dovrebbero svalutare le conquiste del liberalismo, bensì appropriarsene. Dopo avere ricordato che Norberto Bobbio opponeva ai comunisti le ragioni della irrinunciabilità della libertà formale e delle sue garanzie giuridico istituzionali, Losurdo scrive che la cultura comunista ha reagito a questa sfida in due modi: da un lato, come Galvano Dalla Volpe, contrapponendo alla libertas minor (la libertà negativa, o libertà da, tipica del diritto borghese e ritagliata sul diritto dell’individuo proprietario) la libertas maior  (la libertà positiva, o libertà di, ritagliata sui diritti collettivi della comunità dei produttori). Dall’altro con i concetti togliattiani di democrazia progressiva e di via italiana al socialismo, concetti che, secondo Losurdo, dimostrerebbe che i comunisti, piuttosto che negare o svalutare le conquiste di cui erano stati protagonisti liberali e democratici ,“si proponevano di universalizzarle (mettendo fine alla clausole di esclusione) e di far valere tali conquiste anche nella materialità dei rapporti economici e sociali tenendo conto di volta in volta della concreta situazione storico-politica”.

Contrariamente a Losurdo, ritengo che il punto di vista di Galvano Dalla Volpe (che coincide con quello di Marx, il quale sosteneva che mettere al centro la libertà individuale significa non riuscire a guardare al di là di una società di imprenditori privati) sia quello giusto, laddove i concetti togliattiani di democrazia progressiva e di via italiana al socialismo contenevano un tasso di ambiguità che, se non ha causato, certamente non ha impedito la trasformazione del  PCI in partito liberale. L’equivoco di fondo consiste nell’idea che la rivoluzione socialista rappresenti l’attuazione dei principi e dei valori della rivoluzione democratico borghese, rimasti inattuati a causa del dispositivo di limitazione che li confina all’ambito della tutela dei diritti di proprietà e delle libertà negative. Ciò è tre volte sbagliato: 1) perché la storia non è una successione di fasi governate da ferree “leggi” evolutive; 2) perché rivoluzione borghese e rivoluzione socialista sono fenomeni strutturalmente diversi, in quanto la borghesia conquista il potere politico dopo avere già conquistato quello sulla società e sull’economia, viceversa il proletariato è privo di ogni potere, tanto economico che politico, per cui può vincere solo distruggendo le forme di potere esistenti; 3) perché l’argomento secondo cui la rivoluzione consisterebbe nell’estendere i principi liberali dall’ambito economico all’intero ambito delle relazioni sociali, ignora che la libertà liberale non è limitata all’ambito economico: essa coincide totalmente, per forma e struttura, con tale ambito, per cui chi la assume come principio regolativo agisce, consapevolmente o meno, a favore della conservazione del potere borghese. 



c) Statalismo e antistatalismo


“Il programma di un partito non si deve considerare come un programma di governo, relativo a un breve periodo della sua amministrazione, ma come la definizione degli obiettivi e delle misure necessarie in un tappa determinata dello sviluppo sociale e politico”. Così scrive Cunhal che, in questo modo, contribuisce indirettamente al dibattito su riforme e rivoluzione che si sviluppò nella socialdemocrazia tedesca fra fine Ottocento e primo Novecento (con la partecipazione di pezzi da Novanta come Engels e Luxemburg); dibattito che si è recentemente riproposto in America Latina, dopo il successo delle rivoluzioni Venezuelana e Boliviana, chiarendo che la vera contrapposizione non è fra riforme e rivoluzione, bensì fra riforme fine a sé stesse e riforme finalizzate al superamento del capitalismo. Del resto nemmeno la via riformista al socialismo, ove assunta in una prospettiva di cambiamento sistemico radicale, mette in discussione il ruolo strategico dello Stato nel processo di transizione. E infatti Cunhal, riferendosi alla prima fase della Rivoluzione dei Garofani, scrive che “la nazionalizzazione delle banche e dei settori di base dell'economia sorsero in maniera naturale e quasi inevitabile nel processo di formazione del nuovo regime democratico”.  


Viceversa Occhetto, dopo avere assicurato che il suo PCI ha messo da tempo in discussione “lo statalismo tradizionale del movimento operaio”, così come ha “completamente abbandonato ogni visione negativa dell'impresa”, imputa alla DC di essere rimasta ancorata a quello statalismo “di vecchio tipo”, necessariamente (!!??) associato a clientelismo e spreco del denaro pubblico. Dopodiché candida il proprio Partito, che di lì a poco giustamente non si chiamerà più comunista, 

a realizzare una “nuova” concezione dello Stato che sembra copiata di peso dalle tesi del guru dell'ordoliberalismo von Hayek: “abbiamo bisogno di uno Stato che garantisca di più i diritti sociali e gestisca di meno (una parafrasi del concetto neoliberista di “economia sociale di mercato”) . Che indichi a tutti i soggetti i criteri dell'interesse generale ai quali devono attenersi”; e ancora: “il Paese ha bisogno di uno Stato che gestisca meno e che invece sia più in grado di fornire progetti e definire regole per una pluralità di soggetti pubblici e privati.” E'  un sunto del paradigma ordoliberale che supera la concezione tradizionale del laissez faire, rimpiazzandola con quella di uno Stato forte, non nel senso dell'intervento diretto nell'economia, bensì in quanto garante delle regole del corretto funzionamento del mercato (regole che, come abbiamo imparato sulla nostra pelle, contemplano il contenimento dei salari e della spesa sociale)


d) Internazionalismo proletario versus cosmopolitismo borghese


Da un lato, Cunhal ha costantemente dedicato ampio spazio alle questioni dell'imperialismo e della lotta antimperialista, così come ha ribadito in più occasioni che patriottismo e internazionalismo sono tratti essenziali della politica e dell'attività del Partito Comunista Portoghese, nella misura in cui “la fase imperialista dello sviluppo del capitalismo determina un crescente abbandono  degli interessi nazionali da parte della borghesia”. In altre parole, secondo Cunhal, l'attenzione alla dimensione nazionale della lotta di classe non solo non è un tratto conservatore (o addirittura reazionario nell'ottica di certe sinistre “radicali”) ma è un fattore essenziale della battaglia per il socialismo nell'era dell'internazionalizzazione dei capitali. 


Dall'altro lato Occhetto, quando non si spinge a delirare su un fantasmatico “governo mondiale”, presenta il processo di unificazione europea (che fino ai Settanta il PCI aveva giustamente indicato come un fattore di indebolimento dei rapporti di forza dei proletari dei vari Paesi europei attraverso la loro messa in competizione reciproca) come una gloriosa marcia verso gli Stati Uniti d'Europa (obiettivo che tanto Marx quanto Lenin avevano esorcizzato come una Santa Alleanza del capitalismo internazionale contro i proletari di tutti i Paesi). Per il corvetto “L'Europa non va vista come un elemento aggiuntivo, ma come il prisma attraverso il quale vedere i problemi sociali, i problemi dello sviluppo e delle politiche industriali, i problemi  istituzionali”. Un prisma che trent'anni dopo si è rivelato l'irriformabile gabbia d'acciaio, priva di qualsiasi legittimità democratica, che soffoca ogni velleità di emancipazione delle classi subalterne del Vecchio Continente.   


Occhetto annuncia lo scioglimento del PCI



A mo' di appendice


Per concludere ripropongo tre temi trattati da Cunhal nel libro sopra citato che mi paiono di stretta attualità. In primo luogo, chi accusa lui e il suo partito di passatismo e dogmatismo dovrebbe leggere passaggi come quello in cui scrive che “la memoria non può significare la pretesa di ripetere l'esperienza passata come norma di in una nuova situazione concreta” o quest'altro in cui, contro il vizio del citazionismo, aggiunge che “un marxista leninista non può mai opporre i testi alla realtà”, e che “se si combatte il culto dei vivi è anche necessario combattere il culto dei morti”. La sua visione, che oggi il partito Comunista Portoghese continua meritevolmente a fare propria, non è dunque ispirata a una ottusa fedeltà ai “testi sacri” del marxismo, bensì alla necessità di coglierne lo spirito e il metodo per calarli nella concreta realtà storica.


Secondariamente, mi preme sottolineare come questa attenzione all'analisi concreta della situazione concreta gli consentisse di cogliere l'insegnamento di certi processi rivoluzionari che sfuggono ai “canoni” di una malintesa ortodossia marxista (si pensi alla Rivoluzione Cinese e alle rivoluzioni latinoamericane), come si evince dal seguente passaggio: “estendendosi a paesi e società con le più varie strutture economiche  e sociali, il processo rivoluzionario mondiale avviene inevitabilmente in maniera irregolare e diversificata. In forme molto variegate di azione, attraverso vie di sviluppo differenziate, insperate e impreviste...non ci sono né 'modelli' di rivoluzione ne 'modelli' di socialismo”. E ancora: “Non si può considerare sbagliata una rivoluzione che trionfa”, un detto che andrebbe mandato a memoria da tutti i sedicenti marxisti che sostengono che le rivoluzioni avvenute in Paesi dove le “condizioni oggettive” (sviluppo delle forze produttive, prevalenza delle masse contadine sulle masse operaie, ecc.) non erano “mature”, non possono essere considerate socialiste. Per inciso, il rifiuto di formulare modelli di socialismo non può essere usato per giustificare la via liberal liberista imboccata da Occhetto e successori, dal momento che costoro hanno esplicitamente abbandonato l'obiettivo strategico della costruzione di una società socialista.   


In terzo luogo, Cunhal ha dato un contributo importante alla chiarificazione del concetto di centralismo democratico. In particolare ha fustigato il culto della personalità, denunciandone ripetutamente le conseguenze dannose per la vita del partito: “le cose vanno male, scrive, quando il nome del più responsabile non può essere pronunciato senza che un applauso lo accolga”. Dopodiché aggiunge che l'adulazione come costume sistematico può prosperare “solo quando incontra terreno propizio, quando è redditizia, quando in maniera diretta o indiretta viene premiata”; e quando ciò avviene genera conseguente disastrose, a partire dalla formazione di una direzione “i cui membri hanno come principale credenziale quella di essere 'fedeli' (a un certo) dirigente” e dalla formazione “di un intero apparato (di)  'devoti' non  tanto al partito ma al dirigente in questione”. Rifiutare il culto della personalità non significa adottare una visione egualitaria dei membri del partito, negando il fatto che non tutti i quadri “pesano” ugualmente negli equilibri dell'organizzazione, perché non tutti sono in grado di dare lo stesso contributo al suo sviluppo, significa piuttosto comprendere che l'autorità nel partito dev'essere legittimata dall'atteggiamento di coloro che la riconoscono, sempre sottoposta a verifica e mai accordata a priori. A proposito delle piccole ambizioni dei leader dei micropartiti che ostacolano la ricostruzione di un Partito Comunista nel nostro Paese. 



lunedì 5 settembre 2022

LA PRIGIONE PIU' GRANDE DEL MONDO





L'editore Fazi pubblica un libro che fin dal titolo – La prigione più grande del mondo. Storia dei territori occupati - lascia intuire l’opinione dell’autore in merito alla politica israeliana nei confronti del popolo palestinese. Ove non bastasse il titolo la dedica dissipa ogni dubbio: “Ai bambini palestinesi, uccisi, feriti e traumatizzati dal vivere nella più grande prigione del mondo”. Opera di un intellettuale comunista pregiudizialmente ostile nei confronti di Israele, di un esponente della destra antisemita, di un simpatizzante di Hamas o di un pacifista “a senso unico”? No, a firmare il libro è Ilan Pappé, autorevole storico israeliano (docente all’Università di Exeter, in Inghilterra) già autore di diversi bestseller fra i quali Palestina e Israele: che fare? ( con Noam Chomsky).


Pappé è una mosca rara in un Paese dove le uniche forze che denunciano la politica israeliana nei Territori Occupati come ingiusta, crudele, per non dire criminale, sono il piccolo Partito Comunista, qualche minuscolo movimento anti sionista e quella esigua minoranza di intellettuali “illuminati” di cui lo stesso Pappé è un esponente. Tuttavia il suo lavoro non è una perorazione ideologica né una predica morale (o peggio moralistica), bensì una rigorosa esposizione di fatti storici corredata da un’ampia documentazione (verbali di riunioni di governo, memorie dei protagonisti, cronache nazionali e internazionali, sentenze di tribunali militari e civili, testi di legge, decreti, regolamenti emanati dalle autorità di occupazione, dichiarazioni di leader di partito, ecc.). Una mole di materiali talmente ingente che chi non abbia seguito con particolare attenzione gli eventi del conflitto palestinese dalla Guerra dei sei giorni (1967) a oggi rischia di perdercisi dentro (parlando di attenzione, non mi riferisco tanto all'attività militante dei movimenti filo palestinesi quanto a un costante impegno di documentazione sulla realtà dei fatti). Ecco perché, per raccontare il libro e metterne in luce gli elementi più rilevanti, organizzerò l’esposizione per capitoletti tematici.


Ilan Pappé



Israele non voleva la guerra e si è limitata a reagire alle minacce dei Paesi arabi? Falso


Le fonti citate da Pappé non sono univoche, al punto da non concedere margini di ambiguità: nessuna delle guerre contro gli arabi intraprese da Israele dal 1948 a oggi è nata dalla necessità di fronteggiare le provocazioni e le minacce di un nemico deciso a cancellare lo Stato ebraico dalla carta geografica. La verità è che si è trattato piuttosto di un lucido disegno strategico, premeditato e perseguito con spietata determinazione.


Dopo la pulizia etnica del 48 - realizzata attraverso intimidazioni, assedi ai villaggi palestinesi, bombardamenti , espulsioni forzate delle popolazioni locali (imbottendo di tritolo le macerie per impedirne il ritorno) – l’élite politico militare israeliana si è messa in attesa dell’occasione storica favorevole per mettere le mani sulla Cisgiordania. Attesa che si è prolungata oltre il 56, l’anno del fallito tentativo di rovesciare Nasser con l'appoggio di Francia e Inghilterra. Non a caso, argomenta Pappé, l dibattito su come gestire le zone arabe occupate era ancora in corso nel 63, allorché fu condotta un'esercitazione in cui vennero simulati i primi giorni della presa del potere. In effetti, aggiunge, i documenti confermano che già allora erano state definite le regole di comportamento finalizzate a incoraggiare i collaboratori e punire i resistenti; confermano inoltre che l’eventuale occupazione di nuovi territori non fu mai concepita come un fatto transitorio, e infatti gli eventi storici successivi hanno confermato che per Israele la sovranità assoluta su Gaza e Cisgiordania non è negoziabile. Per tacere dei media, i quali non hanno mai fatto mistero sull’esistenza di un progetto “imperiale”, invocando a gran voce la creazione del Grande Israele.


Negli anni immediatamente precedenti alla Guerra dei sei giorni si lavorò a preparare l’opinione pubblica interna e internazionale all’imminente conflitto agitando lo spettro del “radicalismo” arabo (il regime di Nasser in Egitto e quello del Baath in Siria), minaccia con la quale si mirava a ottenere l'appoggio occidentale –in particolare americano - presentandola come una sorta di comunismo in salsa araba. Ecco perché, nel 67, non era pronto alla guerra solo l'esercito: era pronto anche l'apparato burocratico deputato a gestire le conquiste. Quanto alla narrazione sulla necessità di sferrare un attacco preventivo per neutralizzare le forze di un nemico che si preparava ad annientare Israele, si tratta di una “bufala” paragonabile al presunto attacco vietnamita alle navi americane nel Golfo del Tonchino e alle “prove” sulle armi di distruzione di massa in mano irachena. La verità, sostiene Pappé, è che le élite israeliane erano consapevoli dell'inferiorità militare araba, e che Siria ed Egitto ne erano altrettanto consapevoli, né si sarebbero mai sognati di attaccare per primi.



Il sionismo: una matrice ideologica condivisa da destre e sinistre


Per capire in che misura gli aspetti più discutibili della politica israeliana nei confronti del popolo palestinese siano l’esito logico dell’ideologia sionista, argomenta Pappé, occorre risalire allo spirito della “colonizzazione messianica” fra fine Ottocento e primo Novecento. È la visione di un ritorno ai tempi (e ai luoghi) biblici a rappresentare il fondamento del sionismo. Nato come ricerca di un rifugio sicuro contro l'antisemitismo e di un territorio che desse forma di nazione all'ebraismo, il sionismo non sarebbe andato incontro alle attuali degenerazioni se, per realizzare le sue legittime aspirazioni, non avesse scelto un territorio già abitato, il che lo ha inevitabilmente trasformato in un progetto colonialista (per inciso: in America e in Australia analoghi progetti hanno implicato lo sterminio sistematico delle popolazioni autoctone).


Realizzare il progetto significava ottenere il controllo sulla maggior parte della Palestina storica e ridurre drasticamente il numero dei palestinesi che ivi vivevano; l’obiettivo era insomma l‘edificazione di uno Stato ebraico “puro” dal punto di vista etnico-religioso, il desiderio (da alcuni nascosto, da altri dichiarato) era che nell'antica terra di Israele vi fossero solo ebrei. Di qui la pulizia etnica del 1948 resa possibile: 1) dalla decisione britannica di abbandonare i territori che governava da 30 anni; 2) dall'impatto dell'Olocausto sull'opinione pubblica occidentale; 3) dal marasma politico nel mondo arabo palestinese. Cogliendo l'opportunità una leadership sionista fortemente determinata espulse larga parte della popolazione nativa distruggendone i villaggi e le città, tanto che, in tempi brevissimi, l'80% della Palestina sotto mandato britannico era diventata lo Stato ebraico di Israele.


Passando alle decisioni draconiane sulla gestione dei Territori Occupati assunte dal governo che guidava il Paese durante la guerra del 67, Pappé sottolinea come esso comprendesse tutte le correnti ideologiche: laburisti, liberali laici, religiosi e ultra religiosi, rappresentando dunque il più ampio consenso sionista possibile. Sulla durezza di tali decisioni torneremo più avanti, ciò che importa sottolineare in primo luogo è l’assenza di differenze sostanziali fra destra e sinistra. Un’unità di intenti sancita dal fatto che nemmeno l’alternanza fra Laburisti (che governarono fino al 1977) e destre (il Likud dominò il decennio successivo, dal 77 all’87), produsse alcun cambiamento sostanziale se non nella “narrazione”: i Laburisti furono abili nell’ingannare il mondo sulle intenzioni di pace di Israele (Shimon Peres vi riuscì tanto bene da essere premiato con il Nobel) ma non cambiarono una virgola della strategia adottata nel 67; quanto al Likud, l’unica vera novità consistette nell’allacciare legami sempre più stretti con il movimento dei coloni (Gush Emunim). Nel decennio in questione gli ultra ortodossi vennero autorizzati a formare enclave teocratiche dotate di regole e procedure giuridiche diverse da quelle in vigore in Israele. Il fondamentalismo ebraico venne di fatto autorizzato a svolgere un ruolo di “militarizzazione” dei coloni, fino a creare squadre di vigilantes che eseguivano spedizioni punitive ctollerate dallo Stato (su 48 omicidi ad opera dei coloni violenti che agivano in bande organizzate, segnala Pappé, solo un colpevole venne incriminato e processato).



Il bastone e la carota. La prigione più grande del mondo


Veniamo alle sfide che hanno indotto Israele a creare quella che Pappé definisce la più grande prigione mai esistita (inizialmente un milione e mezzo di “detenuti”, saliti poi a 4 milioni) e ai metodi con cui è stata ed è tuttora gestita. Di fatto, si scelse di estendere l'autorità militare, già imposta alla minoranza palestinese entro Israele, agli abitanti della Cisgiordania e di Gaza, e a tale scopo si trasse ispirazione dai regolamenti mandatari di emergenza emessi dagli inglesi, che gli stessi capi sionisti avevano definito nazisti. Basti citare la direttiva 109 ( che consentiva al governatore militare di espellere la popolazione), la 110 ( che gli dava il diritto di convocare qualunque cittadino in una stazione di polizia) e la famigerata 111 (che autorizzava l'arresto amministrativo a tempo indeterminato senza motivazioni né processo). Anche il sistema di reclutamento dei collaboratori venne copiato da quello usato dal governo coloniale britannico in Egitto e in India.


Gaza sotto le bombe israeliane



La contraddizione di fondo che rese necessario ricorrere a questa spietata soluzione era il fatto che i territori acquisiti nel 67 potevano essere annessi de facto ma non de iure, e ciò per due motivi: 1) il diritto internazionale li considerava territori occupati, al contrario di quelli acquisiti nel 48, che erano stati riconosciuti come parte integrante dello Stato di Israele; 2) i palestinesi non potevano essere espulsi ma nemmeno integrati come cittadini con pari diritti, perché il loro numero e la loro crescita demografica avrebbero messo in pericolo la maggioranza ebraica. La concomitanza di tre obiettivi contraddittori - conservare i territori, non espellerne gli abitanti ma non concedere loro la cittadinanza - era destinata a produrre una realtà disumana, vale a dire una prigione che non veniva imposta a singoli individui bensì a una intera società. A gestire questa mega prigione è stata chiamata una quantità enorme di personale (“la burocrazia del male”, la chiama Pappé) incaricata di amministrare quasi cinque milioni di “carcerati” rinchiusi in quelli che prima erano i loro territori.


Per svolgere il compito i carcerieri hanno fatto ricorso alla politica del bastone e della carota, premiando chi accettava le regole imposte dall’occupante e punendo chi si opponeva. L’arma strategica per fiaccare le velleità di resistenza è stata l’insediamento di un numero crescente di coloni ebrei. Il luogo in cui tale strategia è stata applicata in modo esemplare è stato Gerusalemme Est e aree adiacenti. La Grande Gerusalemme che è divenuta la nuova capitale di Israele è nata a suon di furti di terreni palestinesi perpetrati dallo Stato, di espropri senza risarcimento, di demolizioni di case e villaggi e di costruzione di nuovi quartieri riservati agli ebrei sulle rovine. Già nel 68, scrive Pappé, solo il 14% dell’aera di Gerusalemme Est apparteneva ai palestinesi, che solo un anno prima ne erano invece gli esclusivi proprietari.


Nel resto dei Territori Occupati l’insediamento dei coloni ebraici si è ispirato alla “strategia del cuneo”, finalizzata a impedire la continuità spaziale e l'integrità geografica delle aree occupate dai palestinesi. Funziona così: si colonizza una località lontana, dopodiché si rivendica come esclusivamente ebraica l'area che si frappone fra Israele e il nuovo insediamento (ivi comprese le strade che vi conducono). In questo modo si crea continuità territoriale tra gli insediamenti ebraici e discontinuità fra villaggi e le città palestinesi che diventano enclave isolate le une dalle altre e “incistate” in un continuum sempre più esteso di territori annessi a Israele.


Detto che il bastone è sempre quello del 48 - demolizione di abitazioni, arresti di massa senza processo, coprifuoco, irruzioni violente nelle case ecc. - qual è la carota? La risposta rinvia all’uso dell’economia come strumento di pacificazione. Il reclutamento di forza lavoro palestinese a basso costo, presentata come una “ricompensa” per buona condotta (in barba al fatto che i lavoratori palestinesi non sono pagati come quelli ebrei, né tantomeno godono dei loro diritti e delle loro tutele), ha creato una situazione di relativa prosperità fino all’esplosione delle due Intifada. Una situazione che non ha tuttavia consentito lo sviluppo di un’economia palestinese autonoma, visto che fra Israele e i Territori esistono solo due flussi: quello di merci israeliane in entrata e quello di mano d'opera in uscita, per cui l’unica altra fonte di risorse sono gli aiuti internazionali. Questo bastò a ottenere la collaborazione di una minoranza di palestinesi benestanti (sindaci, commercianti, avvocati ecc.) almeno finché collaborare non ha significato rischiare la pelle.


Le due Intifada


Basandosi sulla relativa prosperità dei Territori di cui si è appena detto, la propaganda israeliana attribuisce lo scoppio della prima Intifada all’azione sobillatrice dei “terroristi” , sottacendo i motivi di scontento della popolazione (confinamento in aree sovrappopolate, negazione dei più elementari diritti umani e civili, sfruttamento della forza lavoro, ecc.). La famosa provocazione di Sharon (la passeggiata alla Spianata delle Moschee) fu solo un pretesto occasionale che fece esplodere la rabbia popolare. Rabbia che, sottolinea Pappé, si espresse inizialmente con metodi pacifici: scioperi, boicottaggio delle merci israeliane, rifiuto di pagare le tasse, nella peggiore delle ipotesi lancio di pietre, manifestazioni cui l’esercito reagì con inusitata violenza provocando numerosi morti e feriti (nei primi due anni quasi 30000 bambini, un terzo dei quali sotto i dieci anni, dovettero ricorrere a cure mediche per le ferite subite), mentre le reazioni internazionali non andarono al di là di blande critiche a quello che fu eufemisticamente definito un “uso eccessivo della forza”. Questa ferocia fu il carburante che alimentò il radicalismo di Hamas, e gli attacchi di Hamas furono a loro volta il pretesto per l’ulteriore inasprimento della repressione che, fra i tanti aspetti odiosi, aggiunse la negazione della libertà di movimento e di iniziativa privata: si iniziò infatti a richiedere permessi per ogni cosa lavorare, studiare, edificare, commerciare (permessi concessi o negati a totale arbitrio dei burocrati).


Pietre contro carri armati



Veniamo alla seconda Intifada, esplosa dopo gli “accordi di pace” di Oslo (1993). Pappé smonta la narrazione mediatica (non solo israeliana) che a quei tempi si fondò su due mistificazioni: la prima era che si trattasse di un autentico tentativo di pacificazione; la seconda che sia stato deliberatamente fatto naufragare da Arafat. Quanto alla prima menzogna: la proposta israeliana consisteva nella creazione di un mini stato palestinese demilitarizzato con capitale Abu Dis (un villaggio vicino a Gerusalemme), al quale sarebbe stata sottratta larga parte della Cisgiordania, che non avrebbe goduto del diritto di condurre politiche economiche ed estere indipendenti e che avrebbe dovuto rinunciare a rivendicare il diritto al ritorno degli esuli del 48. Spacciata come la soluzione “dei due Stati”, questa farsa prevedeva che Israele avrebbe deciso unilateralmente sia quanto territorio concedere sia quanto sarebbe dovuto accadere nel territorio in questione. 


Arafat con Rabin



Quanto al presunto sabotaggio di Arafat: la verità, sostiene Pappé, è che certe clausole fissate dal negoziato, a partire da quella secondo cui le autorità palestinesi avrebbero dovuto gestire la sicurezza dei Territori, garantendo che non ospitassero attività di resistenza, erano impossibili da rispettare. Questa capitolazione, e la complicità dei Paesi arabi che la accettarono, fece infuriare la popolazione palestinese che considerò l’accordo come “il tradimento di Oslo”, rafforzò l’egemonia di Hamas e fece ripartire la protesta in forme assai meno pacifiche della prima Intifada, per cui la reazione israeliana fu ancora più violenta: non operazioni di polizia bensì una vera e propria guerra: invece di dare la caccia ai terroristi si iniziò a usare armi pesanti (carri armati e cannoni) contro la popolazione civile, adottando il principio della punizione collettiva applicato dalle rappresaglie naziste dopo gli attacchi partigiani. In particolare, dopo che Hamas ha assunto il controllo di Gaza, la striscia viene ripetutamente attaccata come una nazione nemica, attraverso operazioni militari in grande stile di terra, cielo e mare che provocarono pesantissime perdite fra i civili. Le ultime pagine del libro sono una cronistoria di questa guerra strisciante che si trascina dagli anni Novanta a oggi (l’edizione originale è del 2017).


L’impotenza dell’opinione pubblica interna e internazionale


Si è detto dell’estrema debolezza delle forze di opposizione israeliane, sovrastate dall’ideologia sionista condivisa da tutti i grandi partiti, di destra e sinistra, laici e religiosi, silenziate da un sistema informativo unanimemente schierato a favore del progetto della Grande Israele, e minoritarie anche nei campi della cultura accademica e letteraria. Pressoché nulle le reazioni occidentali: nella prima fase del processo – la pulizia etnica del 48 - l'Europa doveva espiare i crimini commessi sul suo territorio contro gli ebrei per poter approdare alla pace e alla riconciliazione, per cui accettò senza battere ciglio la colonizzazione ebraica proprio nel momento storico in cui la comunità internazionale bollava il colonialismo come un odioso retaggio del passato. Dal 67 in poi, l’appoggio incondizionato dell’Occidente a Israele divenne un tassello fondamentale della Guerra fredda, in quanto lo Stato ebraico fungeva da avamposto nella lotta contro i regimi dell’area alleati con Mosca e, caduta l’Urss, contro i Paesi arabi che insistevano a opporsi all’egemonia occidentale (da Johnson in poi, nessun presidente americano ha rifiutato di fornire agli israeliani gli armamenti più avanzati). Prima di concludere segnalo che ho trascurato, per motivi di spazio, uno degli aspetti più interessanti del lavoro di Pappé, vale a dire l’accurata analisi dei dispositivi giuridici con cui Israele ha legittimato anche le azioni più efferate del proprio esercito (e delle bande di coloni ultra ortodossi). Mi limito a ricordare ciò che l’autore annota in merito al coinvolgimento della Corte Suprema: chiamata a svolgere un ruolo di garanzia, si è limitata a legittimare gli atti compiuti dalle autorità militari nei Territori, coprendoli con il manto della legalità.



Qualche considerazione a margine


In due occasioni (mi riferisco al giudizio sulle regole mandatarie inglesi emesso dagli stessi sionisti che le hanno a loro volta adottate, e al metodo della punizione collettiva che colpisce un’intera comunità invece del colpevole) ho usato l’aggettivo nazista. Preciso che nel libro di Pappé, che pure è una delle più dure denunce dei crimini israeliani che mi sia capitato di leggere, questo accostamento (“proibito” non solo dalla sensibilità ebraica per la memoria dell’Olocausto, ma anche dalla correttezza politica che vige nei Paesi occidentali) non viene mai proposto. Mi tocca quindi rispondere alla domanda se e in che misura il sottoscritto lo ritenga giustificato.


L’elenco dei fatti che potrebbero indurmi a sfidare l’accusa di antisemitismo che colpirebbe immediatamente chiunque osasse tanto (in effetti oggi si rischia tale accusa per molto meno) è lungo: pulizia etnica (anche se qui è in gioco la purezza religiosa più che etnica: gli ebrei di origine africana, per esempio, non sono discriminati); violenza contro la popolazione civile (uomini, donne, vecchi e bambini); violazione dei più elementari diritti civili ed umani; sfruttamento intensivo del lavoro; violazione del diritto internazionale, ecc. Manca tuttavia un fattore essenziale: non è stato messo in atto uno sterminio sistematico del popolo palestinese. Ciò detto, sono assai meno sicuro che si possa respingere l’accusa di genocidio, se si applicano i criteri di colui che ha coniato il termine, il giurista polacco di origine ebraica Raphael Lemkin, il quale parlava di “distruzione di una nazione o di un gruppo etnico”, non intendendo solo l’annientamento fisico, bensì pratiche quali la soppressione delle istituzioni di autogoverno, la distruzione della struttura sociale, la privazione dei mezzi di sussistenza, la distruzione dei luoghi di culto, l’umiliazione e la degradazione morale. Come si vede è lecito nutrire più di un dubbio.


Lo scopo di questa breve appendice, tuttavia, non è puntare ulteriormente il dito contro le responsabilità dello Stato israeliano, bensì smascherare l’insopportabile ipocrisia della propaganda occidentale: per i crimini commessi durante la guerra nella ex Jugoslavia (innescata dagli interessi geopolitici europei, tedeschi in primis) è stato processato Milosevic; sui presunti crimini cinesi contro i popoli tibetano e uiguro i media occidentali versano ogni giorno fiumi di inchiostro; infine, dall’inizio della guerra in Ucraina, stiamo vivendo la più forsennata campagna antirussa dai tempi della Rivoluzione d’ottobre. In merito all’ultimo punto faccio notare che, a prescindere dalla legittimità dell’intervento militare nel Dombass (che visto da Mosca potrebbe essere giustificato, con argomenti più solidi di quelli accampati da Israele nel 1967, come una mossa preventiva per evitare l’accerchiamento da parte della NATO) la Russia ha invaso aree abitate da minoranze russofone che erano oggetto di pulizia etnica da parte delle milizie parafasciste di Kiev e non, come nel caso delle guerre israeliane, aree abitate da secoli da un popolo che non aveva aggredito né minacciato nessuno. Ammesso che ciò non basti a evocare i fantasmi del nazismo né a parlare di genocidio, nessuno può negare che si tratti di azioni aggressive di natura colonialista, né che l’Occidente le abbia assolte applicando il metodo dei due pesi e delle due misure, un atteggiamento dettato dal più cinico interesse geopolitico e nel quale principi e valori non hanno peso alcuno.




venerdì 5 agosto 2022

DICHIARAZIONE DI VOTO



Cari amici e compagni

Il 25 settembre, che casualmente è anche la data del mio 75° compleanno, ammesso e non concesso che l’infame dispositivo che obbliga le poche forze realmente di opposizione a raccogliere le forme in tempi ridicolmente brevi, voterò per il PC di Rizzo. Scelta scontata, penseranno alcuni, visto che a quel partito sono iscritto e che negli ultimi uno/due anni l’ho sostenuto in varie occasioni, anche accettando di candidarmi alle recenti elezioni comunali di Milano. Invece la scelta non è affatto scontata per i motivi che cerco di spiegare qui di seguito.

In primo luogo perché sulla scheda elettorale non troverò il simbolo di quel partito ma un per me indigesto simbolo in cui non vedo né una falce e martello né la parola comunista, e nemmeno la parola socialista, rimpiazzata dall’aggettivo popolare che sta sotto le parole Italia e sovrana. Chiarisco che non è il riferimento alla sovranità nazionale a imbarazzarmi: è dai tempi in cui assieme ad altri amici avevo fondato il gruppo Nuova Direzione che vengo sistematicamente accusato di rossobrunismo per cui ci ho fatto il callo. Il punto è che quell’esperienza, che mi ha consentito di conoscere dall’interno la galassia dei gruppuscoli del sovranismo di sinistra e dalla quale mi sono dissociato quando ho capito l’impossibilità di spostarla su posizioni coerentemente socialiste, fa sì che consideri ingiustificata la rinuncia a una chiara connotazione socialcomunista per mettere in piedi un’alleanza con quindici (15!) gruppi non tutti – per usare un eufemismo - di specchiata connotazione anticapitalista.

Certo ci sono situazioni in cui la tattica suggerisce l’opportunità di fare compromessi, ma questa è davvero una di quelle? E ancora: siamo sicuri che il gioco valga la candela? Non sono mai stato astensionista di principio, ma ammesso e non concesso (sbaglierò, ma temo che i 15 raggruppamenti di cui sopra non rappresentino un consistente bacino potenziale di voti, né un’ampia parte di opinione pubblica) che il compromesso ci consenta di piazzare uno o due rappresentanti in questo parlamento ridotto a un simulacro privo di potere decisionale, e persino del ruolo di cassa di risonanza di opinioni diverse dal pensiero unico neoliberale, quale potrà essere il loro contributo alla lotta contro il sistema? Non sarebbe stato meglio mantenere una chiara identità e sfruttare la tribuna elettorale per fare agitazione e propaganda onde raccogliere nuove adesioni al partito? Invece, e questa è l’altra nota dolente per chi come il sottoscritto si sta spendendo con gli amici di Cumpanis per creare le condizioni di un processo unitario dei tanti comunisti italiani rimasti senza un’organizzazione in cui riconoscersi, la strada che si è scelta è costata l’allontanamento di tanti bravi militanti, il che rende ancora più problematici e lontani l’obiettivo dell’unità e il momento in cui le classi subalterne italiane potranno tornare a contare sulla guida di un vero partito di classe. 

Torniamo al dubbio:  ne valeva davvero la pena? Il grado di marcescenza del sistema politico italiano ha raggiunto livelli tali che nessun’altra democrazia parlamentare borghese può esibire. Non penso solo all’immondo balletto orchestrato da Letta e soci per mettere in piedi un pastrocchio di centro, non per contendere la vittoria  (scontata) alla destra, ma per sedersi al tavolo dei vincitori e collaborare con loro nel mettere a punto gli strumenti per rendere questo Paese ancora più povero e servo di Washington e Bruxelles; penso anche al miserando spettacolo offertoci dalle “sinistre”:  Fratoianni e Bonelli, prima disposti a mettersi a novanta gradi accettando i veti di Calenda pur di restare attaccati al carro di Letta, poi col cappello in mano a pietire un accordo con l’M5S, il neo arcobaleno messo in piedi dalla mummia di Rifondazione, PAP e De Magistris, una vetrina delle varie versioni di sinistrese politicamente corretto, con posizioni sfumate sull’Unione Europea e genericamente pacifiste sulla guerra scatenata dalla NATO (che si appresta ad aprire un secondo fronte nel Mar della Cina), per cui mi chiedo che fine abbiano fatto gli amici della Rete dei Comunisti: anche loro intenti a tessere compromessi tattici alla Tafazzi? Sorvolo infine sul gruppo parlamentare di Alternativa convolato a giuste nozze con il fascio leghista Paragone. 

Di fronte a questa marea di merda, è venuto il momento di prendere atto che gli appelli all’unità per la Costituzione lasciano il tempo che trovano. La carta nata dalla Resistenza è morta e sepolta da decenni di “riforme” che l’hanno irreversibilmente snaturata. Viviamo un terribile passaggio d’epoca in cui la crisi, prima ancora di avere assorbito gli effetti della pandemia, è destinata a divenire ancora più tragica in conseguenza della guerra; è iniziato lo scontro finale fra imperialismi occidentali (con l’Europa al carro degli Usa) e resto del mondo (Paesi socialisti più tutti quelli non disposti a inchinarsi ai diktat dell’Occidente); si annuncia un futuro di miseria e conflitti feroci. Tempi in cui occorrerebbe accelerare la costruzione del partito per far fronte alla guerra imperialista e trasformarla in guerra di classe piuttosto che perdere tempo in giochetti elettorali (si partecipi pure ma al solo scopo di fare propaganda). Quanto alla Costituzione, se esistesse un vero partito dovrebbe rivendicare la convocazione di una nuova Assemblea Costituente che liquidi un sistema politico costruito per impedire al popolo di esprimere la propria volontà: rafforzare i vincoli alla proprietà privata per garantire la piena occupazione e condizioni di vita e di lavoro dignitose; abolire le regioni che invece di avvicinare i cittadini al potere espropriano lo Stato del potere decisionale su questioni vitali e fungono da collettori di interessi lobbistici e mafiosi; regolare il sistema dei media per renderlo pluralista e aperto a tutte le opinioni; dettare leggi elettorali che consentano una effettiva rappresentanza dei soggetti sociali;  reintrodurre l’obbligo del servizio militare per cittadini e cittadine, perché solo un esercito popolare può difendere la Repubblica dai nemici interni ed esterni.

Per concludere: voterò comunque per il PC di Rizzo, ancorché camuffato dietro quel brutto simbolo elettorale, non tanto perché sono iscritto al partito, ma perché è l’unico ad avere posizioni chiare sulla NATO, sull’Europa, sulla Cina e sulla guerra, e scusate se è poco. Dopodiché, passata l’ennesima dispersione di energie per partecipare a elezioni truccate, spero di poter contribuire a una seria discussione sui temi strategici.  

 










  

martedì 28 giugno 2022

LA REQUISITORIA DI SAHRA WAGENKNECHT 

E I SUOI LIMITI






Il titolo del libro di Sahra Wagenknecht - dirigente storica della Linke, partito di cui è stata vicepresidente dal 2010 al 2014 – rischia di suscitare aspettative eccessive: Contro la sinistra neoliberale (Fazi editore) evoca infatti una svolta radicale, una presa di congedo netta e senza tentennamenti da ciò che le sinistre – non solo la tedesca, bensì tutte le sinistre occidentali – oggi rappresentano. Ci si aspetterebbe, insomma, di leggere una condanna senza appello, del tenore di quella contenuta nella lettera aperta di Hans Modrow alla Linke che abbiamo rilanciato su questa pagina  https://socialismodelsecoloxxi.blogspot.com/2022/02/lettera-di-hans-modrow-alla-linke-hans.html 

Viceversa il punto di vista della Wagenknecht è più sfumato e contraddittorio. Non che manchino accenti durissimi nei confronti di quella che l’autrice definisce “sinistra alla moda”: come vedremo fra poco, la sua requisitoria è lunga, dettagliata e argomentata, così come è corretta la sua analisi delle radici di classe del fenomeno politico in oggetto. A lasciare perplessi è però il tentativo di tracciare un confine fra neoliberalismo “di sinistra” e liberalismo tour court; un approccio che legittima l’idea secondo cui il liberalismo di sinistra tradizionale, o liberal socialismo, non è il grembo che ha partorito l’attuale sinistra neoliberale, bensì qualcosa di completamente diverso, un patrimonio di idee e valori da cui si potrebbe trarre il materiale per rifondare una “vera” sinistra. Ma procediamo con ordine. 

Il bersaglio della Wagenknecht sono coloro che non pongono più al centro della propria attenzione i problemi sociali e politico-economici bensì le tematiche relative allo stile di vita, alle abitudini di consumo e ai giudizi morali sui comportamenti. Per queste persone, le tradizioni e i legami comunitari passano in secondo piano, quando non sono oggetto di rifiuto e disprezzo, rispetto all’autonomia e all’autorealizzazione individuali (l’identità individuale è concepita come qualcosa che esiste indipendentemente dalla vita sociale). Trovare riconoscimento e conferma di sé viene prima di qualsiasi velleità di cambiare il mondo e la società, e in ogni caso si ritiene che il mondo e la società possano e debbano essere cambiati cambiando le parole con cui li si nomina e descrive (questa moda del politically correct, scrive Wagenknecht, è nata nelle università di élite angloamericane, imbevute delle idee dei maestri del postrutturalismo come Foucault e Derrida). 

Alle lotte per l’uguaglianza subentra la santificazione della disuguaglianza, una mistica della differenza che fa sì che non ci si impegni più per ottenere l’equiparazione legale delle minoranze, bensì per rivendicare privilegi da concedere alle minoranze stesse. Di qui una svalutazione degli interessi della maggioranza che diventa un alibi per le classi benestanti, le quali che possono così astenersi dal finanziare la collettività, in quanto ai loro occhi non rappresenta più l’incarnazione di un interesse comune e condiviso. A fornire un altro alibi al liberismo economico e al suo progetto di smantellamento dello stato sociale è poi il concetto di società aperta e di cittadinanza globale, una dimensione astratta cui tutti possono accedere senza che ciò comporti coesione e aiuto reciproco. Infine, dietro le maschere dell’apertura e della tolleranza che questa gente indossa, si cela uno spirito intollerante degno della peggiore destra reazionaria: per esempio chi non condivide i valori e i dogmi della cultura Lgbt (a partire dalla negazione di ogni fondamento biologico delle differenze sessuali) non è fatto solo oggetto di disprezzo, ma di vero e proprio odio, sentimento che viene riservato a priori ai maschi bianchi della classe media. 

Sinistra alla moda è definizione azzeccata: come le mode postmoderne cercano di illudere il consumatore di godere di prodotti e servizi “unici”, ritagliati su misura per le sue esigenze, che viceversa differiscono solo per qualche elemento marginale, allo stesso modo, dietro l’esaltazione delle differenze e delle singolarità individuali che sostanzia l’ideologia delle nuove sinistre, si nasconde una disarmante uniformità di gusti, idee e valori. Questo conformismo di massa, chiarisce Wagenknecht, non è un prodotto puramente culturale ma rispecchia precisi interessi di classe. Al posto di concetti come classe creativa o lavoratori della conoscenza, l’autrice usa la definizione di “nuovo ceto medio dei laureati”, ma la sostanza è la stessa: si tratta di quel 25/30% di lavoratori (1) – dipendenti, autonomi e liberi professionisti – che svolgono attività legate prevalentemente ai settori della finanza, dell’economia digitale e della comunicazione (media, pubblicità, marketing, ecc.). A marcare la distanza fra questo strato sociale da una parte e la classe operaia e le “vecchie” classi medie dall’altra, non sono solo le forti differenze salariali, sono anche differenze antropologiche (atteggiamenti, valori e stili di vita) che rispecchiano precise condizioni materiali di vita: gli uni vivono nei quartieri centrali delle metropoli, che qualcuno ha definito vetrine della globalizzazione felice (2), o nelle città universitarie, gli altri nelle periferie e/o nei piccoli centri di provincia. L’economia della conoscenza non conosce sindacati, stipendi – né tanto meno posti - fissi, percorsi di carriera predefiniti. I contratti di lavoro sono frutto di trattative individuali, mentre il rischio individuale associato a tale condizione viene esaltato come una virtù, in quanto, secondo la vulgata mainstream,  questa spietata competizione di tutti contro tutti premierebbe i “giocatori” più meritevoli e coraggiosi. 

Nel concetto di nuovo ceto medio dei laureati, più del termine laureati pesa l’attributo nuovo. La semplice laurea, infatti, non garantisce più di poter salire sull’ascensore sociale, in quanto le professioni meglio pagate richiedono ormai capacità che i percorsi formativi pubblici non sono in grado di trasmettere. Di conseguenza, l’istruzione superiore torna a essere quel privilegio che la massificazione degli accessi all’università sembrava avere cancellato nella seconda metà del secolo scorso, dal momento che sono solo le famiglie benestanti a poter offrire ai figli la possibilità di frequentare università di élite. Ma la selezione comincia prima, su base socio territoriale, dal momento che, come ricordato sopra, il nuovo ceto medio vive nei centri gentrificati delle metropoli, cioè in quartieri dove le scuole, dalle elementari ai licei, offrono chance ben superiori di quelle degli istituti periferici. In poche parole, il privilegio sociale è una spirale che si autoalimenta e si rafforza continuamente, aumentando costantemente la distanza fra alto e basso.

Queste distanze si rispecchiano nelle scelte elettorali: come tutte le ricerche sulla composizione sociale dei flussi elettorali confermano, oggi a votare a sinistra sono gli individui benestanti di cultura elevata, tutti gli altri votano a destra o - in misura crescente – si astengono. Wagenknecht cita il caso dei Verdi tedeschi, che hanno superato da tempo i Liberali come partito più votato dai ricchi, ma ammette che anche il suo partito, la Linke, un tempo sostenuto da un elettorato di cultura medio-bassa prevalentemente operaio, è diventato un “partito dei laureati”. Ma soprattutto si rispecchiano negli stili di vita, nei linguaggi e nelle posture ideologico-culturali. Le élite della nuova sinistra guardano dall’alto in basso “quelli che non hanno frequentato l’università, vivono in provincia e comprano da LIDL i prodotti per la grigliata per risparmiare”.  Questi “sdentati” (3) usano parole che l’etichetta politicamente corretta considera intollerabili, per cui, nelle redazioni dei media, nelle istituzioni pubbliche e nelle aziende sono sottoposte a dure sanzioni sociali, al punto che “più della metà dei cittadini tedeschi non osano esprimere liberamente le proprie opinioni “ (4). 

Quando questa “marmaglia”, ribellandosi contro le politiche neoliberali e le condizioni di vita che impongono alle classi subalterne, scende in piazza dando vita a spettacoli “indecorosi”, come le manifestazioni dei gilet gialli in Francia, degli elettori di Trump negli Stati Uniti e dei No Vax in tutto il mondo, viene bollata con accuse di neofascismo. Le sole manifestazioni accettabili sono quelle per i diritti delle minoranze Lgbt, dei migranti o per la tutela dell’ambiente, e devono essere pacifiche, allegre e variopinte come quelle di movimenti come MeTo e Friday for Future. Per inciso, nota Wagenknecht, a queste ultime non hanno partecipato più dell’80% dei giovani, mentre i due terzi dei partecipanti hanno annesso di appartenere a un ceto sociale elevato.  


Sahra Wagenknecht



Passiamo all'altra faccia dello specchio. I proletari votano a destra perché si sono convertiti in massa al fascismo, o solo perché l’assoluta assenza di empatia del nuovo ceto medio nei confronti delle loro esigenze e dei loro timori non lascia a queste persone altre alternative per esprimere la propria rabbia? Questa per Wagenknecht è ovviamente una domanda retorica che ammette solo la seconda risposta. Le radici della rabbia affondano nel venir meno di ogni senso di sicurezza e continuità. La mistica del cambiamento e del rischio che esalta il nuovo ceto medio, per i membri delle classi subalterne, che hanno bisogno di sapere che cosa accadrà domani, è viceversa associato a un angosciante senso di precarietà e insicurezza esistenziali. Nel trentennio postbellico lo Stato aveva imposto limitazioni alla corsa al profitto privato, alla cui logica aveva sottratto la sanità, l’educazione, il diritto alla casa, le comunicazioni e alcuni servizi fondamentali come elettricità, acqua e trasporti pubblici. La rivoluzione neoliberale ha spazzato via in tempi brevissimi questi presidi che garantivano sicurezza e protezione. Nei primi cinque anni del governo Tatcher è andato in fumo un terzo dei posti di lavoro industriali. Globalizzazione, decentramento produttivo nei Paesi a basso costo del lavoro, outsourcing dei servizi interni alle imprese hanno fatto il resto. Il nocciolo duro del proletariato industriale, caratterizzato da una cultura del lavoro fondata anche sull’orgoglio professionale (non si lavorava “solo per denaro ma per fare qualcosa di utile di andare fieri, non si voleva solo fare un lavoro ma farlo bene”), è stato rimpiazzato da un coacervo di mestieri dislocati nella logistica, nella grande distribuzione, nei servizi di cura e assistenza, tutti lavori precari, mal retribuiti e lontani dal garantire una qualche forma di soddisfazione professionale.  Un capitalismo finanziarizzato, in cui il reddito proviene dalle rendite patrimoniali più che dal lavoro, ha alimentato disuguaglianze, aumento dei debiti pubblici e privati e immiserimento di massa, al punto che le aspettative di vita della classe media di un Paese ricco come gli Stati Uniti si sono drasticamente ridotte a causa del diffondersi dell’alcolismo, dei suicidi e dell’abuso di psicofarmaci.     

La divaricazione alto/basso si evidenzia con particolare nettezza a proposito di temi come l’ambiente e l’immigrazione. In entrambi i casi il nuovo ceto medio e le forze politiche che lo rappresentano propongono un’analisi irrealistica del problema e soluzioni che non tengono in alcun conto gli interessi delle classi subalterne. Partiamo dall’ambiente. Le analisi dei Verdi non vanno alla radice delle cause del degrado ambientale – la logica del profitto capitalistico – ma puntano il dito contro i comportamenti individuali, alimentando l’illusione secondo cui basterebbe cambiare stile di vita per salvare il pianeta. Ovviamente a cambiare stile di vita dovrebbero essere soprattutto i poveri le cui pratiche antiecologiche vengono addebitate a ignoranza e incuria e non alla necessità di risparmiare, per cui si propone di penalizzare determinati consumi di massa (per esempio il carburante diesel) con rincari che “renderebbero nuovamente beni di lusso molti oggetti di consumo e servizi comuni cui grandi fette di popolazione non avrebbero più accesso”.  

Veniamo all’immigrazione . L’ideologia delle sinistre cosmopolite che predicano l’accoglienza indiscriminata e senza limiti non fa distinzione fra chi è costretto a emigrare dai disastri provocati dall’imperialismo occidentale e chi lo fa per scelta, rimuovendo il fatto che questi ultimi non sono affatto i più poveri, che non hanno i mezzi per farlo per farlo, bensì i corrispettivi dei ceti medi emergenti dei Paesi occidentali. Così aumentano  ovunque i medici  del terzo mondo e i paesi poveri finanziano la formazione di specialisti che verranno  sfruttati dai paesi ricchi, assistiamo cioè a un sovvenzionamento del Nord da parte del Sud  che viene depauperato di forza lavoro qualificata (venti milioni di lavoratori dell’Est sono venuti in Germania dopo l’ingresso dei loro Paesi nella Ue). I padroni ottengono così il duplice obiettivo di usufruire di forza lavoro a basso costo e di dividere i lavoratori, ma anche il ceto medio dei laureati ha il suo tornaconto: la disponibilità di servizi di cura alla persona garantisce infatti un aumento del loro potere d’acquisto. A pagare per tutti questi vantaggi sono i quartieri poveri in termini di concorrenza per le abitazioni, degrado delle scuole e dei servizi locali. Il fatto poi che le nuove ondate migratorie giunte in Germania negli ultimi anni dalla Siria e altri Paesi del Medio oriente abbiano faticato a trovare lavoro e vivano di sussidi, alimenta nei ceti subalterni l’idea che questi soldi vanno a persone che non c’entrano nulla con noi né hanno lavorato per meritarsele.  

Fin qui il discorso fila e, pur non apportando sostanziali novità a quanto già argomentato da altri autori, ha il merito di approfondire la situazione tedesca evidenziandone la sostanziale convergenza con quella degli altri Paesi dell’Europa Occidentale e degli Stati Uniti. Le perplessità nascono laddove, come anticipato in sede introduttiva, la Wagenknecht  si sforza di riscattare il concetto di sinistra, sia riagganciandolo – acriticamente – alla tradizione della socialdemocrazia tedesca, sia temperando il giudizio sulla sinistra neoliberale nel tentativo di distinguerla dal neoliberismo economico, il che la induce a imboccare una strada che conduce a un pasticcio ideologico che ha scarse chance di contribuire alla costruzione di un’alternativa al dominio neoliberale. 

Sulla conversione delle sinistre al neoliberalismo disponiamo già del contributo, fra gli altri, di autori come Nancy Fraser che ha coniato la formula neoliberismo progressista per denotare l’alleanza fra liberalismo di sinistra e liberismo economico (5), o di Wolfgang Streeck, che nei suoi lavori parla della fine della liberal democrazia dovuta al definitivo divorzio fra liberalismo e democrazia (6), ma l’approccio di Wagenknecht, forse perché è più lontana dalla cultura marxista degli autori appena citati, è decisamente meno radicale. Pur riconoscendo che fra liberalismo di sinistra e neoliberismo economico esistono molte convergenze, in quanto riflettono entrambi la visione di strati sociali che sono stati premiati dai grandi mutamenti socioeconomici degli ultimi decenni, continua a coltivare l’illusione che esista un liberalismo di sinistra non ispirato al liberismo economico. È vero che questa differenza si riduce alla disponibilità a tenere in vita un welfare “riformato”, fondato su provvedimenti come l’istituzione di un reddito di base incondizionato che, invece di promuovere politiche finalizzate al conseguimento di uno stato di piena e buona occupazione, si limitano a offrire ai poveri un’assistenza di tipo umanitario, ciò non toglie, secondo Wagenknecht, che queste differenze conservino traccia della sinistra liberale “classica”, che nulla avrebbe a che fare con l’attuale neoliberismo “progressista”. 

Per sinistra liberale “classica”, Wagenknecht intende movimenti come la sinistra laburista di Corbyn e quella democratica di Sanders o, per restare in Germania, le ali di sinistra di SPD e Linke. Il che implica che, secondo lei, per rianimare una sinistra degna di questo nome, basterebbe restituire centralità al ruolo dello Stato (di questo Stato) in economia, senza che ciò debba essere necessariamente associato a un progetto di trasformazione sistemica; progetto che del resto, a partire dalla svolta di Bad Godesberg, non fa più parte della cultura socialdemocratica tedesca. La “sua” sinistra dovrebbe essere “liberale e tollerante” e collocarsi nella tradizione dell’illuminismo occidentale che l’autrice assume come un complesso di valori universali privi di connotazioni storiche e politiche (7). 

Insomma Wagenknecht è una liberale (“classica”) senza se e senza ma, al punto che si compiace nel scrivere che “oggi la maggioranza dei cittadini pensa in maniera molto più liberale rispetto a pochi decenni fa, lo spirito dei tempi è solidamente liberale” e che “il nostro sistema politico è ancora liberale e bisogna sperare che continui ad esserlo”. Di più: da buona tedesca, Wagenknecht non si rifà semplicemente alla tradizione liberale bensì a quella dell’ordoliberalismo, un pensiero che esalta in quanto impegnato a limitare il potere dei monopoli e garantire le condizioni di una “sana” concorrenza e che, a suo avviso, fino agli anni Novanta, avrebbe premiato “il merito, gli sforzi per migliorarsi e l’operosità individuale”. Non una parola sul fatto che la “libera” concorrenza (Marx docet) genera monopolio, che il merito e la competizione individuale per migliorarsi sono stati la base ideologica su cui è venuta crescendo quella sinistra alla moda che giustamente le sta sui nervi. Non una parola sul fatto che la potenza e il benessere del suo Paese si fonda su un modello di sviluppo mercantilista che ha potuto sfruttare, grazie all’egemonia tedesca sulla Ue, il lavoro a basso costo degli operai del Sud e dell’Est Europa. Infine rammarico per un industria tedesca che sarebbe in crisi non a causa delle contraddizioni interne al suo modello di sviluppo bensì delle “importazioni cinesi basate sul dumping”, puntando il dito contro quella Cina “che intrattiene con la democrazia e con i diritti civili un rapporto quale non ci augureremmo mai in Europa”. In conclusione mi scappa da dire: cara Sahra non capisci che quella sinistra alla moda che giustamente ti irrita è l’erede della tradizione liberal socialista del tuo Paese che oggi ti ispira tanta nostalgia? 


Note      

(1) Questa percentuale ricorre in tutte le analisi della composizione sociale delle società occidentali, anche se i criteri di ricerca variano. Piketty, ad esempio, si riferisce a quegli strati sociali che più di altri hanno beneficiato delle politiche redistributive del “trentennio glorioso”, ciò che ha loro permesso di integrare il reddito da lavoro con rendite derivanti dal possesso di beni immobili e titoli di stato.

(2) A usare questa definizione è, fra gli altri, il geografo francese Christophe Guilluy, autore di una serie di opere in cui descrive la dimensione territoriale del conflitto di classe.  

(3) A usare questa sprezzante definizione nei confronti delle classi inferiori è stato l’ex presidente socialista francese François Hollande. 

(4) Questo fenomeno di autocensura indotto dalla pressione del discorso delle élite sull’opinione pubblica è stato analizzato dalla sociologa tedesca Noelle Neumann che lo definisce “la spirale del silenzio” (La spirale del silenzio, Meltemi, Milano 2017).

(5) Cfr. N. Fraser, Capitalismo, Meltemi, Milano 2019.

(6) Cfr. W. Streeck, Tempo guadagnato, Feltrinelli, Milano 2013. 

(7) La Wagenknecht respinge l’accusa che il pensiero postcoloniale rivolge alla razionalità occidentale, definendola eurocentrica e colonialista, ma se all’ideologia postcoloniale si possono rivolgere molte critiche, questa accusa è invece, piaccia o meno ai paladini dell’ideologia occidentale, un suo merito indiscusso.

      

    

L'AQUILA E IL CORVO Il bivio degli Ottanta e le due vie di Cunhal e Occhetto Questo articolo nasce da due suggestioni. La prima è frutto...

più letti